Avv. Bruno Molinaro Blog

Just another WordPress.com weblog

Avvocato Molinaro: ALL’AVVOCATO BRUNO MOLINARO.

CLAMOROSO: ACCOLTO IL RICORSO DELL’AVV. BRUNO MOLINARO GRAZIE AL QUALE PER IL MOMENTO SONO SOSPESI GLI ABBATTIMENTI DELLE CASE DELLA POVERA GENTE IN TUTTA LA REGIONE CAMPANIA. GRAZIE ALLA BATTAGLIA POLITICA DEL PARTITO COMUNISTA ITALIANO MARXISTA-LENINISTA, A QUELLA MEDIATICA DI PCIML-TV E A QUELLA LEGALE PORTATA AVANTI CON GRANDISSIMA PROFESSIONALITA’ DALL’AVVOCATO BRUNO MOLINARO, PER IL MOMENTO LE UMILI FAMIGLIE A CUI STAVANO PER ABBATTERE LA CASA, POSSONO TIRARE UN SOSPIRO DI SOLLIEVO. IL PCIML ANNUNCIA SIN DA SUBITO CHE CONTINUERA’ A BATTERSI E SINO IN FONDO CONTRO OGNI ABBATTIMENTO DELLE PRIME CASE DI NECESSITA’. DI SEGUITO RIPORTIAMO IL COMUNICATO STAMPA DIRAMATO DALLA SEGRETARIA DELL’AVVOCATO BRUNO MOLINARO.

Annunci

giugno 17, 2010 Posted by | avvocati, brunomolinaro | , , , , | Lascia un commento

Ma la colpa di chi è? Intervista all’avv. Bruno Molinaro

di Silvia Buchner Legge Galasso, Legge 47/1985, Legge 724/1994, Legge 326/2003, Piano Paesistico, Testo Unico per l’Edilizia, Codice Urbani, articolo 9 Legge Regionale 10/2004… Queste sigle e titoli appartengono solo ad una parte della ricca legislazione prodotta dallo Stato a vari livelli per governare il boom edilizio, uno dei fenomeni che più ha modificato il volto, nel senso proprio del suo aspetto, del nostro Paese, intendendo l’Italia naturalmente, ma anche e in particolar modo di Ischia. … e allora si parla di abusi di necessità. Abbiamo affrontato alcuni aspetti di questa situazione davvero complessa con l’avvocato Bruno Molinaro, che da anni se ne occupa sul piano legale e che fra il 1998 e il 2005 è stato assessore esterno all’ambiente ed all’urbanistica del comune di Barano.

http://www.ischiablog.it/index.php/attualita-e-notizie/avvocato-bruno-molinaro-ma-chi-sono-i-responsabili/

http://www.altalex.com/index.php?idu=2148&idstr=85

giugno 4, 2010 Posted by | avvocati, brunomolinaro, studiolegale | , , , , , | Lascia un commento

Avvocato Bruno Molinaro, news 03,06,2010

Avv. Bruno Molinaro 06.03.2010 ultime news

Avvocato bruno Molinaro:
Intervista esclusiva di Gennaro Savio, direttore di PCIML-TV, all’avvocato Bruno Molinaro
Clamoroso: accolto il ricorso dell’avv. Bruno Molinaro grazie al quale per il momento sono sospesi gli abbattimenti delle case della povera gente in tutta la Regione Campania. Grazie alla battaglia politica del partito comunista italiano marxista-leninista, a quella mediatica di PCIML-TV e a quella legale portata avanti con grandissima professionalita’ dall’avvocato Bruno Molinaro, per il momento le umili famiglie a cui stavano per abbattere la casa, possono tirare un sospiro di sollievo. Il PCIML annuncia sin da subito che continuera’ a battersi e sino in fondo contro ogni abbattimento delle prime case di necessita’. Di seguito riportiamo il comunicato stampa diramato dalla segretaria dell’avvocato Bruno Molinaro.
http://www.ischiablog.it/index.php/attualita-e-notizie/stop-agli-abbattimenti-delle-case-intervista-esclusiva-di-gennaro-savio-allavv-bruno-molinaro/

http://www.ischiablog.it/index.php/tag/bruno-molinaro

http://resources.regione.campania.it/slide/files/Regione%20informa/2010/1/file_10290_GNR.pdf

giugno 4, 2010 Posted by | avvocati, brunomolinaro | , , , | Lascia un commento

Avv, Bruno Molinaro, BlogLibero

Avvocato Bruno Molinaro

Post n°1 pubblicato il 15 Agosto 2009 da trolfa

 

L’Avvocato Lorenzo Bruno Molinaro nasce a Barano d’Ischia (Na) il 12.2.1956. In data 4.7.1979 consegue la laurea di dottore in giurisprudenza presso l’Università degli studi di Napoli “Federico II”. L’anno successivo vince il concorso per commissario di pubblica sicurezza. Destinato alla Questura di Bolzano, dopo un periodo di servizio durato poco più di due anni presso la squadra mobile, la Digos e la polizia amministrativa, opta per la professione forense. In data 15.10.1985 consegue l’abilitazione all’esercizio della professione di procuratore legale. In data 15.12.1992 ottiene l’iscrizione all’Albo degli Avvocati. Dal 7.11.1997 è ammesso a patrocinare innanzi alla Corte Suprema di Cassazione.

agosto 15, 2009 Posted by | avvocati, brunomolinaro, studiolegale | , , | Lascia un commento

Avv. Bruno Molinaro

AVV.Lorenzo Bruno Molinaro, dello studio legale Molinaro, di avv. Gianpaolo Buono e Avv Bruno Molinaro

SENTENZA N. 196

            ANNO 2004

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

– Gustavo                    ZAGREBELSKY      Presidente

– Valerio                     ONIDA                        Giudice   

– Carlo                        MEZZANOTTE               “

– Fernanda                  CONTRI                           “

– Guido                       NEPPI MODONA           “

– Piero Alberto            CAPOTOSTI                    “

– Annibale                   MARINI                           “

– Franco                      BILE                                 “

– Giovanni Maria        FLICK                                          “

– Ugo                          DE SIERVO                     “

– Romano                    VACCARELLA               “

– Alfio                         FINOCCHIARO              “

– Alfonso                    QUARANTA                   “

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nei giudizi di legittimità costituzionale dell’art. 32 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269 (Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici), e dell’art. 32 del d.l. n. 269 del 2003 come risultante dalla conversione ad opera della legge 24 novembre 2003, n. 326 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, recante disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici), promossi con due ricorsi della Regione Campania, rispettivamente notificati il 17 ottobre 2003 e il 22 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 25 ottobre e il 30 gennaio successivi ed iscritti al n. 76 del registro ricorsi 2003 ed al n. 14 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Marche, rispettivamente notificati il 13 novembre 2003 e il 21 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 19 novembre e il 26 gennaio successivi ed iscritti al n. 81 del registro ricorsi 2003 ed al n. 8 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Toscana, rispettivamente notificati il 12 novembre 2003 ed il 21 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 21 novembre e il 29 gennaio successivi ed iscritti al n. 82 del registro ricorsi 2003 ed al n. 10 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Emilia-Romagna, rispettivamente notificati il 20 novembre 2003 e il 23 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 26 novembre e il 29 gennaio successivi ed iscritti al n. 83 del registro ricorsi 2003 ed al n. 13 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Umbria, rispettivamente notificati il 25 novembre 2003 e il 23 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 2 dicembre e il 29 gennaio successivi ed iscritti al n. 87 del registro ricorsi 2003 e al n. 11 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Friuli-Venezia Giulia, rispettivamente notificati il 27 novembre 2003 e il 22 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 4 dicembre e il 30 gennaio successivi ed iscritti al n. 89 del registro ricorsi 2003 ed al n. 12 del registro ricorsi 2004, con un ricorso della Regione Basilicata, notificato il 1° dicembre 2003, depositato in cancelleria il 5 dicembre successivo ed iscritto al n. 90 del registro ricorsi 2003 e con un ricorso della Regione Lazio, notificato il 20 gennaio 2004, depositato in cancelleria il 23 gennaio successivo ed iscritto al n. 6 del registro ricorsi 2004.

            Visti gli atti di costituzione del Presidente del Consiglio dei ministri nonché gli atti di intervento del Comune di Salerno, del Comune di Ischia e del Comune di Lacco Ameno, dell’Associazione Italiana per il World Wide Fund For Nature (WWF) ONLUS e del CODACONS, del Comune di Roma;

            udito nell’udienza pubblica dell’11 maggio 2004 il Giudice relatore Ugo De Siervo;

uditi gli avvocati Vincenzo Cocozza per la Regione Campania, Stefano Grassi per la Regione Marche, Lucia Bora e Fabio Lorenzoni per la Regione Toscana, Giandomenico Falcon per la Regione Emilia-Romagna, per la Regione Umbria e per la Regione Friuli-Venezia Giulia, Gennaro Terracciano per la Regione Basilicata, Pietro Pesacane per la Regione Lazio, Lorenzo Bruno Molinaro per il Comune di Ischia e per il Comune di Lacco Ameno, Antonio Brancaccio per il Comune di Salerno, Alessio Petretti per il World Wide Fund For Nature (WWF) ONLUS, Sebastiano Capotorto per il Comune di Roma, Nicolò Paoletti per il CODACONS e l’avvocato dello Stato Franco Favara per il Presidente del Consiglio dei ministri.

agosto 14, 2009 Posted by | avvocati, brunomolinaro | , | Lascia un commento

INTERVISTA ESCLUSIVA DI PCIML-TV ALL’AVV. MOLINARO

INTERVISTA ESCLUSIVA DI PCIML-TV ALL’AVV. MOLINARO
Description
Servizio giornalistico realizzato da Gennaro Savio, Direttore di PCIML-TV, http://www.mogulus.com/pcimltv. Per contatti: gennarosavio@gmail.com. http://www.pciml.org. IN ITALIA, NELLE ZONE SOTTOPOSTE A VINCOLO PAESISTICO, SARANNO ABBATTUTE MIGLIAIA DI PRIME CASE COSTRUITE CON IMMANI SACRIFICI DAI CITTADINI PERCHE’ IL TERZO CONDONO, AL CONTRARIO DEL PRIMO E DEL SECONDO,NON CONSENTE NESSUNA SANATORIA IN DETTE AREE. DALL’ISOLA D’ISCHIA, GRAZIE AL PREZIOSO E DETERMINANTE CONTRIBUTO PROFESSIONALE DELL’AVVOCATO BRUNO MOLINARO, E’ PARTITA LA BATTAGLIA PROMOSSA DAL PCIML A DIFESA DEL DIRITTO ALLA CASA DI TUTTO IL POPOLO ITALIANO. IL PCIML HA PRESENTATO LA MODIFICA DI LEGGE NECESSARIA AFFINCHE’ ANCHE NELLE ZONE VINCOLATE SI POSSA SANARE LA PRIMA CASA DI ABITAZIONE. NEI GIORNI SCORSI L’AVVOCATO BRUNO MOLINARO SI E’ RECATO A ROMA DOVE HA INCONTRATO I RAPPRESENTANTI DEL GOVERNO. NEL SERVIZIO ASCOLTEREMO PROPRIO MOLINARO SULL’INCONTRO AVUTO A ROMA E DOMENICO SAVIO. Dopo 62 anni dalla proclamazione della Repubblica e a 60 dalla promulgazione della Costituzione, in Italia c’è ancora circa il 20% della popolazione che non possiede una casa propria sopportando gravi disagi economici e sociali: case da fittare indisponibili, pigioni insostenibili, sfratti giudiziari, traslochi e umiliazioni varie. Lo Stato borghese e padronale, unitamente alle Regioni e ai Comuni ? in molti dei quali è mancata la pianificazione urbanistica e l’abusivismo edilizio è diventato persino uno strumento elettorale per i partiti assetati di potere -, non ha attuato il dettato costituzionale, è stato gravemente inadempiente e latitante nel garantire il diritto alla casa a tutti i nuclei familiari e con dei piani paesistici irragionevoli ed irresponsabili ha totalmente ingessato larga parte del territorio nazionale bloccando ogni possibilità di sviluppo urbanistico e, dunque, economico e sociale. Il blocco totale di ogni possibilità di sviluppo edilizio ? compreso l’ampliamento delle vecchie abitazioni per adeguarle alle nuove esigenze igieniche e di vita civile ? nelle aree sottoposte a vincolo paesistico ha spinto chi ha potuto a costruirsi abusivamente la casa di abitazione. Nelle isole l’alternativa sarebbe stata una tragica emigrazione verso la terraferma! Lo Stato inadempiente e latitante, mal governato dai partiti che hanno occupato il potere dal 1946 ad oggi, porta la grave responsabilità morale e sociale di non aver voluto distinguere l’abusivismo speculativo e affaristico, da combattere e abbattere, da quello di necessità, da salvaguardare per utilità sociale, permettendo, così, alla grande speculazione di arricchirsi e di sanare i mostri del cemento selvaggio. Infatti il primo e secondo condono edilizio sta consentendo di sanare tutto e anche nelle zone vincolate, mentre il terzo condono, quello del 2003, a differenza dei primi due, non consente nessuna sanatoria nelle aree sottoposte al vincolo paesistico, così il governo e il parlamento hanno messo in atto una odiosa, intollerabile e deprecabile discriminazione tra cittadini dello stesso Stato e delle stesse aree territoriali, una discriminazione chiaramente anticostituzionale che contrasta col dettato dell’art.3 della Costituzione borghese. Con riferimento al terzo condono un Giudice della Repubblica, unitamente ad altri rilievi giuridici, ha già sollevato la questione di costituzionalità presso la Corte Costituzionale. Intanto è partita dall’isola d’Ischia, territorio interamente vincolato, la battaglia per una modifica legislativa del terzo condono edilizio, che consenta di sanare la prima casa di abitazione con una superficie che non superi i 130/150 mq.. L’iniziativa è stata assunta dal Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista con il contributo determinante dell’Avv. Lorenzo Bruno Molinaro, che ha redatto la proposta di modifica accompagnandola con una esauriente relazione e un’ampia giurisprudenza di sostegno. Il P.C.I.M-L. è partito con un convegno sull’argomento nel mese di gennaio 2008, a maggio ha presentato la proposta di modifica a tutti i gruppi parlamentari di maggioranza e di opposizione del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati e al Presidente del Consiglio dei Ministri. Ha chiesto il sostegno dei Consigli comunali delle isole di Ischia e Procida, ha tenuto una prima manifestazione popolare sotto il Municipio di Ischia e sta chiedendo con forza al governo e al parlamento di provvedere immediatamente alla modifica richiesta per dare una risposta legislativa doverosa alla primaria esigenza di vita di una moltitudine di famiglie italiane, per evitare l’abbattimento di un bene primario, spesso realizzato con indebitamento e sacrifici enormi, e per garantire un tetto a tanti cittadini, specialmente nell’attuale fase di crisi, di recessione economica e di grave immiserimento delle passe popolari. Dinanzi all’incalzare delle iniziative di abbattimento anche delle prime case di abitazione da parte del potere giudiziario, la richiesta al governo e al parlamento di modifica della legge è diventata più pressante. Lo stesso Avv. Lorenzo Bruno Molinaro nei giorni scorsi ha avuto un fruttuoso incontro a Roma presso il ministero delle politiche abitative che lascia ben sperare gli isolani in una soluzione positiva dell’intricata vicenda. Domenico Savio, dopo aver incontrato Bruno Molinaro di ritorno da Roma, si è detto molto soddisfatto per come la battaglia politica e sociale condotta dal suo Partito stia andando avanti. Intanto i cittadini possono stare certi che la battaglia politica del P.C.I.M-L. continua, la mobilitazione e la lotta popolare proseguiranno ovunque sarà necessario sino a quando il parlamento non accoglierà la richiesta di tanta parte del popolo italiano e ci batteremo affinché nessuna prima casa di abitazione venga abbattuta dallo Stato, che è gravemente inadempiente nel garantire a tutti gli italiani il diritto costituzionale alla casa. Video Pubblicato da: gennasa Parole chiave: pciml-tv , pciml , italia , campania , napoli , ischia , domenico savio , bruno molinaro , diritto alla casa , terzo condono edilizio , abusivismo edilizio , abbattimenti , prima casa

Servizio giornalistico realizzato da Gennaro Savio, Direttore di PCIML-TV, http://www.mogulus.com/pcimltv. … More

febbraio 28, 2009 Posted by | avvocati, brunomolinaro, studiolegale, Uncategorized | 5 commenti

Studio Legale Bruno Lorenzo Molinaro

    Portrait Bruno Molinaro

    Portrait Bruno Molinaro

    AVV. Lorenzo Bruno Molinaro  Avvocato

    L’Avvocato Lorenzo Bruno Molinaro nasce a Barano d’Ischia (Na) il 12.2.1956. In data 4.7.1979 consegue la laurea di dottore in giurisprudenza presso l’Università degli studi di Napoli “Federico II”. L’anno successivo vince il concorso per commissario di pubblica sicurezza. Destinato alla Questura di Bolzano, dopo un periodo di servizio durato poco più di due anni presso la squadra mobile, la Digos e la polizia amministrativa, opta per la professione forense. In data 15.10.1985 consegue l’abilitazione all’esercizio della professione di procuratore legale. In data 15.12.1992 ottiene l’iscrizione all’Albo degli Avvocati. Dal 7.11.1997 è ammesso a patrocinare innanzi alla Corte Suprema di Cassazione. E’ componente del Comitato tecnico – scientifico della Rivista Trimestrale di Economia e Diritto “Opinioni e confronti”. Da oltre venti anni si occupa di diritto amministrativo e, con un elevato grado di specializzazione, di urbanistica (governo del territorio), edilizia sanzionatoria e tutela del paesaggio. Ha patrocinato privati e pubbliche amministrazioni in numerosissimi giudizi avanti le giurisdizioni superiori ed anche innanzi alla Corte Costituzionale e alla Corte di Giustizia delle Comunità Europee. E’ stato assessore ( esterno ) all’ambiente e all’urbanistica presso il Comune di Barano d’Ischia dal 1998 al 2005. E’ autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Tra i contributi più recenti si segnalano i seguenti: – “Condono edilizio e normativa regionale: il caso della Campania. Competenze in materia di esecuzione dell’ordine di demolizione dopo il D.L. 269/03”, pubblicato sulla Rivista giuridica virtuale http://www.altalex.it il 3.5.2004. – “Condono ter, vincolo paesistico e silenzio rifiuto impugnabile. Silenzio-inadempimento o silenzio provvedimentale?”, pubblicato sulla Rivista giuridica virtuale http://www.lexitalia.it, n. 11/04″; Condono ambientale e reato paesaggistico: spunti problematici”, pubblicato sulla Rivista giuridica dell’edilizia, 2005, Fasc. 3. – “Sanatoria edilizia straordinaria e principi costituzionali. Ancora sulla sentenza della Corte Costituzionale n. 49 del 2006. Un monito per la Cassazione?”, pubblicato sulla Rivista giuridica virtuale http://www.lexitalia.it, n. 3/06. – “Nuovo condono edilizio e leggi regionali. Il caso Campania: no della Consulta alla legge fuori tempo massimo (nota a margine della sentenza della Corte costituzionale n. 49 del 2006)”, pubblicato sulla Rivista giuridica virtuale http://www.lexitalia.it, n. 3/06. – “Condono Berlusconi. Nuovo alt della Cassazione al condono edilizio nelle zone vincolate … ma restano i dubbi sulla ermeneusi restrittiva della norma”, pubblicato sulla Rivista giuridica virtuale http://www.lexitalia.it, n. 6/07 – “Ordine giudiziale di demolizione delle opere abusive e riserva amministrativa”, pubblicato sulla Rivista giuridica virtuale http://www.lexitalia.it, n. 7-8/08. “Condono Belusconi. La Corte Costituzionale chiamata a sciogliere il nodo delle aree vincolate”, pubblicato sulla Rivista giuridica virtuale http://www.lexitalia.it, n. 10/08.

     

     

 

febbraio 28, 2009 Posted by | avvocati, brunomolinaro, studiolegale, Uncategorized | , , , , , , | 4 commenti