Avv. Bruno Molinaro Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma la colpa di chi è? Intervista all’avv. Bruno Molinaro

di Silvia Buchner Legge Galasso, Legge 47/1985, Legge 724/1994, Legge 326/2003, Piano Paesistico, Testo Unico per l’Edilizia, Codice Urbani, articolo 9 Legge Regionale 10/2004… Queste sigle e titoli appartengono solo ad una parte della ricca legislazione prodotta dallo Stato a vari livelli per governare il boom edilizio, uno dei fenomeni che più ha modificato il volto, nel senso proprio del suo aspetto, del nostro Paese, intendendo l’Italia naturalmente, ma anche e in particolar modo di Ischia. … e allora si parla di abusi di necessità. Abbiamo affrontato alcuni aspetti di questa situazione davvero complessa con l’avvocato Bruno Molinaro, che da anni se ne occupa sul piano legale e che fra il 1998 e il 2005 è stato assessore esterno all’ambiente ed all’urbanistica del comune di Barano.

http://www.ischiablog.it/index.php/attualita-e-notizie/avvocato-bruno-molinaro-ma-chi-sono-i-responsabili/

http://www.altalex.com/index.php?idu=2148&idstr=85

Annunci

giugno 4, 2010 Posted by | avvocati, brunomolinaro, studiolegale | , , , , , | Lascia un commento

Avv. Bruno Molinaro

AVV.Lorenzo Bruno Molinaro, dello studio legale Molinaro, di avv. Gianpaolo Buono e Avv Bruno Molinaro

SENTENZA N. 196

            ANNO 2004

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

– Gustavo                    ZAGREBELSKY      Presidente

– Valerio                     ONIDA                        Giudice   

– Carlo                        MEZZANOTTE               “

– Fernanda                  CONTRI                           “

– Guido                       NEPPI MODONA           “

– Piero Alberto            CAPOTOSTI                    “

– Annibale                   MARINI                           “

– Franco                      BILE                                 “

– Giovanni Maria        FLICK                                          “

– Ugo                          DE SIERVO                     “

– Romano                    VACCARELLA               “

– Alfio                         FINOCCHIARO              “

– Alfonso                    QUARANTA                   “

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nei giudizi di legittimità costituzionale dell’art. 32 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269 (Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici), e dell’art. 32 del d.l. n. 269 del 2003 come risultante dalla conversione ad opera della legge 24 novembre 2003, n. 326 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, recante disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici), promossi con due ricorsi della Regione Campania, rispettivamente notificati il 17 ottobre 2003 e il 22 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 25 ottobre e il 30 gennaio successivi ed iscritti al n. 76 del registro ricorsi 2003 ed al n. 14 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Marche, rispettivamente notificati il 13 novembre 2003 e il 21 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 19 novembre e il 26 gennaio successivi ed iscritti al n. 81 del registro ricorsi 2003 ed al n. 8 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Toscana, rispettivamente notificati il 12 novembre 2003 ed il 21 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 21 novembre e il 29 gennaio successivi ed iscritti al n. 82 del registro ricorsi 2003 ed al n. 10 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Emilia-Romagna, rispettivamente notificati il 20 novembre 2003 e il 23 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 26 novembre e il 29 gennaio successivi ed iscritti al n. 83 del registro ricorsi 2003 ed al n. 13 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Umbria, rispettivamente notificati il 25 novembre 2003 e il 23 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 2 dicembre e il 29 gennaio successivi ed iscritti al n. 87 del registro ricorsi 2003 e al n. 11 del registro ricorsi 2004, con due ricorsi della Regione Friuli-Venezia Giulia, rispettivamente notificati il 27 novembre 2003 e il 22 gennaio 2004, depositati in cancelleria il 4 dicembre e il 30 gennaio successivi ed iscritti al n. 89 del registro ricorsi 2003 ed al n. 12 del registro ricorsi 2004, con un ricorso della Regione Basilicata, notificato il 1° dicembre 2003, depositato in cancelleria il 5 dicembre successivo ed iscritto al n. 90 del registro ricorsi 2003 e con un ricorso della Regione Lazio, notificato il 20 gennaio 2004, depositato in cancelleria il 23 gennaio successivo ed iscritto al n. 6 del registro ricorsi 2004.

            Visti gli atti di costituzione del Presidente del Consiglio dei ministri nonché gli atti di intervento del Comune di Salerno, del Comune di Ischia e del Comune di Lacco Ameno, dell’Associazione Italiana per il World Wide Fund For Nature (WWF) ONLUS e del CODACONS, del Comune di Roma;

            udito nell’udienza pubblica dell’11 maggio 2004 il Giudice relatore Ugo De Siervo;

uditi gli avvocati Vincenzo Cocozza per la Regione Campania, Stefano Grassi per la Regione Marche, Lucia Bora e Fabio Lorenzoni per la Regione Toscana, Giandomenico Falcon per la Regione Emilia-Romagna, per la Regione Umbria e per la Regione Friuli-Venezia Giulia, Gennaro Terracciano per la Regione Basilicata, Pietro Pesacane per la Regione Lazio, Lorenzo Bruno Molinaro per il Comune di Ischia e per il Comune di Lacco Ameno, Antonio Brancaccio per il Comune di Salerno, Alessio Petretti per il World Wide Fund For Nature (WWF) ONLUS, Sebastiano Capotorto per il Comune di Roma, Nicolò Paoletti per il CODACONS e l’avvocato dello Stato Franco Favara per il Presidente del Consiglio dei ministri.

agosto 14, 2009 Posted by | avvocati, brunomolinaro | , | Lascia un commento